La Madonna col Bambino di Andrea della Robbia

La preziosa opera del patrimonio artistico dello Spedale di Santa Maria Nuova

Ultimo aggiornamento:19/05/2017 15:26:33

Nell’arte fiorentina del Rinascimento Andrea della Robbia, nipote di Luca, il capostipite della celebre dinastia di scultori in terracotta invetriata, è senza ombra di dubbio l’artista che con più efficacia è stato capace di rappresentare lo stretto rapporto affettivo fra Madre e Figlio nelle sue innumerevoli immagini devozionali di Madonne col Bambino conservate nei principali musei del mondo e andate a ruba nel collezionismo privato in Italia e all’estero.

È sua la bellissima Madonna col Bambino in bianco e azzurro pallido custodita all’interno del museo, forse commissionata per la guarigione di un malato ricoverato all’interno dello spedale, come scrisse nel 1920 l’americano Allan Marquand, pioniere degli studi robbiani, o più semplicemente a seguito di un incarico affidato ad Andrea della Robbia per l’arredo dei locali del nosocomio dei Portinari, secondo le preferenze estetiche dell’epoca. 
La Madonna, con una leggera tunica e mantello che incornicia anche l’ovale perfetto del volto, è ritratta a tre quarti di figura seduta su una sedia, della quale si intravede il bracciolo. Il Bambino dalle carni tenere e rotondette con i piedi piantati sulle ginocchia della Madre si sorregge con il braccio destro dietro le spalle di lei e guarda verso l’osservatore tenendo stretto con la mano destra un uccellino. La scena è ambientata in un cielo atmosferico con cirri a rilievo e al centro la colomba dello Spirito Santo. E’ probabile che originariamente l’altorilievo, databile intorno al 1470/75, fosse provvisto di una cornice con inserti vegetali, come sembra suggerire l’affinità con opere affini di Andrea quale la bellissima Madonna degli Architetti al Bargello, commissionata all’artista nel marzo 1475 dall’Arte dei Maestri di Pietra e Legname.

L’opera - icona delle collezioni d’arte dello Spedale - esposta dal giugno al settembre scorso alla mostra “Maria Mater Misericordia - Capolavori dell’Arte Europea” al Museo Nazionale di Cracovia e poi presso il Palazzo Ducale di Senigallia (29 ottobre 2016 - 29 gennaio 2017) a chiusura dell’anno giubilare, rappresentò nel Quattrocento un modello per tanti rilievi devozionali riconducibili ad Andrea della Robbia.
Oggi è un’occasione in più per programmare in questo mese di maggio, tradizionalmente legato al culto mariano, una visita alle collezioni del Museo.

TAG
arte
Della Robbia
Madonna
museo
Terracotta invetriata
Correlazioni